Un caso particolare di Acne del viso per la continua applicazione di una crema contente cortisone.

0

Breve Storia Anamnestica
Donna di 58 anni viene in studio per la comparsa graduale di numerosi comedoni alle guance.Dopo una attenta anamnesi la paziente riferisce che su consiglio di un’amica applica da mesi una crema che poi si rivela essere una crema contente cortisone. Il cortisone è un farmaco fondamentale nella dermatologia con ottimi effetti antinfiammatori ma ha anche numerosi effetti collaterali, tra cui appunto acne comedonica come questa.


Oltre al cortisone possono indurre dermatiti acneiformi diversi altri farmaci tra cui: Ida Tonina, Litio, androgeni e altri. Possono indurre acne anche prodotti cosmetici cosiddetti comedogenici. In generi sono unguenti pastosi o a base oleosa.
Persone che lavorano con sostanze oleose, catrame o pece possono sviluppare una acne del viso e non solo, per un contatto diretto con la sostanza o mediato dagli abiti che si impregnano di queste sostanze.
Esiste anche un’Acne da brillantina di solito utilizzata da persone con capelli ricci, sostanza oleosa che può dare un ’acne comedonica soprattutto alla fronte.

DOPO 3 MESI DI TERAPIA

Questo caso ci insegna che bisogna fare molto attenzione alle creme che si applicano sulla pelle e quanto contengono principi attivi farmacologici, come il cortisone in questo caso, vanno sempre prescritti da uno specialisti che specifica tempi modi e durata dell’applicazione ed è da evitare l’autoprescrizione.Ovviamente la terapia in questo caso consiste nel sospendere il prodotto interessato e iniziare una terapia specifica con farmaci anti-acneici che variano in base al tipo e alla intensità della dermatite acneica.